Cipollitti nel mondo

BENVENUTI NELLA MERAVIGLIOSA FAMIGLIA...

 

"Cipollitti"

 

 

Operando sullo studio delle origini del nome va ricordato come il cognome può aver subito variazioni dialettali, forme contratte, diminutivi, lenizioni, errori dovuti a errata trascrizione. Riteniamo quindi che il nome Cipollitti sia verosimilmente originato da Cipolli sul quale sono state rinvenute le seguenti notizie storiche e araldiche tratte dalle fonti bibliografiche di Araldis.

 

" Da tempo remoto questa famiglia, anticamente detta Ceola, appartiene all'ordine dei nobili di Verona, al cui Consiglio fu aggregata nel 1407. Ivi fiorì Bartolomeo, versatissimo nella giurisprudenza civile e criminale, il quale coprì una cattedra di scienze legali in Padova dove morì nel 1474. Con diploma 6 Agosto 1471 egli ottenne dall'imperatore Federico il titolo di Conte Palatino, trasmissibile ai discendenti maschi, titolo che venne iscritto nell'A.D.T. della Repubblica Veneta nel 19 Gennaio 1779 (m.v.). A Giov. Carlo e Giov. Battista di Luigi, Giuseppe ed Alessandro di Giacomo e Girolamo Guido Di Girolamo venne confermata la nobiltà con S.R.A. 10 Ottobre 1819, 6 Maggio 1821 e 29 Marzo 1823, ed il titolo comitale con S.R.A. 9Agosto 1825 e 14 Aprile 1830. Sono iscritti nell' Elenco nobiliare ufficiale: Ruggero, nato a Verona, 21 Giugno 1890, di Augusto, di Giacomo, di Alessandro, di Giacomo e di Giovanna Scavini, sposati a Mogliano Veneto, 8 Luglio 1912, con Paolina Gris, di cui Fanno, nato a Varazze il 15 gennaio1913; Zio Ettore nato a Verona il 18 Febbraio 1870, di Giacomo e di Giuseppina della Torre, sposati a Firenze il 21 Gennaio 1899 con Lilma Augusta Widerberg; da cui: 1) Ines nata alla Maddalena il 23 Giugno 1900; 2) Evelina nata a Napoli il 4 Febbraio 1908.

 

Altro ramo, di origine svedese, se ne ha memoria fin dal 1161, nel qual tempo si trovava a Verona un Ubaldo C. Nel 1407 fu aggregata al nobile consiglio, e nel 1471 il famoso giureconsulto Bartolomeo ebbe dall'Imperatore Federico III il titolo di Conte Palatino, titolo riconosciuto nel 1779 dalla Veneta Repubblica, e negli anni 1826 e 1830 da S. (I) I. Francesco I. Rodolfo, Vescovo di Pavia nel 1250, fu iscritto nell'albo dei Santi. Vanta inoltre questa famiglia giudici di collegio, vicari della Casa dei Mercanti, provveditori di Comune, podestà di Peschiera, cavalieri e ambasciatori.

 

Altro ramo. Compaiono nel 1276 tra i nobili di Capua che prestarono denaro al Re Carlo I d'Angiò, e poscia trovansi diramati nella vicina città di Aversa. Pare che i Cupulla, patrizi capuani, baroni di Filimbone dal 1613, e ricevuti di giustizia nell?ordine Gerosolim, al Gran Priorato di Capua nel 1797 fossero della stessa casa, essendosi solo trasformato il primitivo cognome col latinizzarlo.

Altro ramo. Antica e noblie famiglia di Messina che portà il .......  "

  

Una curiosità... Abbiamo anche una via con il nostro cognome: Via Cipollitti a Fontana Liri Inferiore in provincia di Frosinone....